Istituto di Istruzione Superiore

"Zappa-Fermi"

Sede: Via Guglielmo Cacchioli, 9 - 43043 Borgo Val di Taro (PR) - Tel. 0525/97985
Distaccamento: Don Stefano Raffi, 28 - 43041 Bedonia (PR) - Tel. 0525/824885
Email: pris00100x@istruzione.it - pris00100x@pec.istruzione.it

Sbulliamoci

La presente pagina – web è rivolta a studenti, genitori e docenti per prevenire e contrastare il fenomeno del bullismo e del cyber-bullismo.

In una società sempre più influenzata dalla tecnologia è necessario riflettere sul fenomeno dilagante del bullismo e del cyber-bullismo; soprattutto è opportuno che docenti, genitori e isitituzioni operino in sinergia affinchè gli adolescenti di ogni età imparino ad utlizzare la tecnologia in modo consapevole e a conoscere e riconoscere i pericoli della rete, così da prevenirli e contrastarli. Oltre il 90% degli adolescenti in Italia, infatti, sono utenti di internet e il 98% di questi dichiarano di avere un profilo su uno dei social – network più conosciuti (facebook, instagram); il 52% dei giovani utenti di internet si connette almeno una volta al giorno, inoltre, l’utilizzo dei nuovi cellulari o samrtphone consente una connettività praticamente illimitata. Nell’ultima indagine condotta da “Telefono Azzurro” e “Doxa kids” su un campione di 600 giovani italiani in età compresa tra 12 – 18 anni quasi 1 ragazzo su 10 (8%) di quelli intervistati ha dichiarato di aver diffuso informazioni/video che umiliano qulacuno. Più di 1 ragazzo su 6 (21%) ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo (più numerose le ragazze) e più di 1 su 10 (12%) individua in internet il contesto in cui sono avvenute queste violenze con maggior frequenza. Contro il fenomeno del cyber-bullismo che si sta imponendo con sempre maggiore frequenza è, pertanto, fondamentale che inseganti, istituzioni e genitori svolgano un ruolo determinante nella prevenzione e nel contrasto, affinchè tutti insieme possano diventare attori del cambiamento. E’ necessario che i ragazzi di ogni età siano educati al rispetto e a riconoscersi e considerarsi l’un l’altro come pari comprendendo sin da giovani che “l’attenzione a non ferire è la più bella forma di rispetto“.

 

Il Manifesto della comunicazione non ostile e inclusiva